4 maggio 2006: la bomba esplode sul calcio italiano

4 maggio 2006: la bomba esplode sul calcio italiano

La voce gira da settimane: il procuratore aggiunto di Torino Raffaele Guariniello ha infiocchettato per la Federcalcio un bel pacco esplosivo di carte e intercettazioni sulla Juventus, roba da far tremare il mondo del pallone dai vertici alle fondamenta, anzi da buttarlo proprio giù. È l’inizio della primavera 2006, dieci anni fa. Dalla redazione sportiva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.