» Cronaca
martedì 07/08/2018

Corruzione, il 2018 è già da record: in cinque mesi più mazzette di tutto il 2017

Il report della Guardia di Finanza non è ancora definitivo, ma il Fatto è in grado di anticipare i primi dati: che già superano le cifre totali dell’anno scorso. Tra gennaio e maggio scoperti 13 milioni di tangenti in più rispetto a quelli dei dodici mesi precedenti
Corruzione, il 2018 è già da record: in cinque mesi più mazzette di tutto il 2017

Dall’inizio dell’anno in Italia sono girate quasi 40 milioni di euro di mazzette. E si tratta solo di quelle scoperte dalla Guardia di Finanza. È questa la fotografia delle condotte corruttive che impressiona ancora di più se si pensa che l’anno scorso, in tutto il 2017, il valore si è assestato a 27 milioni. Cifra abbondantemente superata nei soli primi cinque mesi di quest’anno.

A raccogliere i numeri che raccontano la corruzione nel nostro Paese sono le Fiamme Gialle, al cui interno è stato istituito nel 2015 anche un Nucleo specifico per il contrasto alle mazzette. I report dei finanzieri vengono pubblicati ogni anno, ma Il Fatto è in grado di rivelare i risultati dei primi cinque mesi del 2018, aggiornati quindi fino allo scorso maggio.

In diciassette mesi, da gennaio 2017 a maggio 2018, sono state portate a termine 2.732 operazioni. Un numero crescente rispetto a quello di due anni fa: dal 2016 al 2017 gli interventi sono aumentati del 24 per cento e solo quest’anno ce ne sono stati 642, con 115 arresti per reati contro la pubblica amministrazione, come concussione, corruzione, abuso d’ufficio e peculato.

Il 2017 è stato l’anno di inchieste come quella della Procura di Firenze sulle corruzioni nel settore delle abilitazioni per accedere alla cattedra di diritto tributario (i pm in questo caso non ipotizzavano scambio di denaro ma accordi corruttivi che influenzavano le valutazioni dei candidati da parte dei membri delle commissioni) o anche quella della procura di Matera su un presunto supermarket delle sentenze nelle commissioni tributarie provinciali di Foggia e regionali, con dispositivi venduti anche per mille euro, secondo l’impostazione iniziale dei magistrati.

E non sono più rassicuranti i dati sul peculato, reato che riguarda i pubblici ufficiali. Il valore del peculato è in aumento costante. Negli ultimi 17 mesi ha sfiorato 358 milioni di euro: 323 milioni lo scorso anno, che è comunque il 42 per cento in più rispetto al 2016. E pensare che si tratta di un reato commesso da chi dovrebbe rappresentare lo Stato.

Tasto dolente anche il settore degli appalti pubblici. Secondo i numeri raccolti dalla Guardia di Finanza, il valore complessivo delle procedure sulle quali le fiamme gialle hanno fatto accertamenti, da gennaio 2017 ad oggi, si assesta a circa 7,2 miliardi di euro: di questi su appalti per 2,9 miliardi di euro sono state riscontrate irregolarità, 300 milioni solo nel 2018.

E qui entra in gioco anche la Corte dei Conti. Solo nel 2018 sono stati accertati 605 milioni di danni erariali, con le casse dello Stato in sofferenza, “collegati a procedure contrattuali pubbliche”: praticamente è già stata raggiunta la cifra (695 milioni) dell’interno 2017.

Al di là di intercettazioni e denunce, la corruzione (che ha diverse forme, oltre alla vecchia tangente) viene scoperchiata anche grazie alle segnalazioni di operazioni sospette che spesso danno modo agli investigatori di far emergere forme di riciclaggio e di reimpiego di denaro “sporco”: da inizio 2017, 397 segnalazioni sono confluite in procedimenti penali. In parte si tratta di tesoretti nascosti nei cosiddetti paradisi fiscali, sui quali lo Stato italiano con difficoltà riesce a mettere le mani. E non serve andare troppo lontano: per fare un esempio, da tempo la procura di Roma fa il braccio di ferro con le autorità svizzere per il denaro di due imprenditori che è stato sequestrato o confiscato ma che non si riesce a recuperare.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
I finanzieri

Il Nucleo speciale Fiamme gialle: 2 mila interventi nel 2017

1680 interventi nel 2016, che sono aumentati del 24 per cento l’anno successivo. Sono i numeri – tra indagini di polizia giudiziaria e accertamenti amministrativi su richiesta dell’Autorità Nazionale Anticorruzione – delle operazioni sulla corruzione degli scorsi anni della Guardia di Finanza. E c’è un gruppo in particolare delle Fiamme Gialle che si occupa di contrastare proprio i fenomeni della corruzione. È il Nucleo speciale anti-corruzione che è stato istituto nel 2015 . Nei prossimi mesi è in programma un potenziamento, con due ufficiali e altre 14 persone da inserire nell’organico. La struttura è divisa in due gruppi: quello “Anticorruzione e trasparenza” e quello “Funzione pubblica”, che contano complessivamente 87 finanzieri. Il Nucleo ha delle specifiche articolazioni, dislocate nei capoluoghi di Regione, da Roma a Palermo, da Genova a Potenza. Qui lavora il gruppo della finanza che è referente dell’Anac e che agisce su delega dell’ispettorato per la funzione pubblica. In altre parole si occupa degli accertamenti sulla regolarità amministrativa e contabile delle pubbliche amministrazioni, ma anche delle procedure di assegnazione degli appalti pubblici, di cui controlla anche costi e risultati.

Commenti

Fontana, il crociato che “uccide” il voto Cinque stelle

Cronaca

“Sei fuori dalla lista”: e partì il terremoto nell’Università

Continuo a perdere mia madre anche ora che l’ho ritrovata
Cronaca
Il racconto

Continuo a perdere mia madre anche ora che l’ho ritrovata

di
Nessuna operazione di polizia fermerà milioni di migranti
Cronaca
L’intervento

Nessuna operazione di polizia fermerà milioni di migranti

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×