L’intervista

Cina, la sociologa Chan: “Libretto rosso addio, l’operaio lotta grazie al cellulare”

La rabbia nelle fabbriche - Docente all'Istituto Politecnico di Hong Kong: “Non emerge nessun leader, ma forme di solidarietà tra i lavoratori; tenuti all’oscuro dei rischi di contagi per la pandemia si affidano ai telefoni, l’unica libertà che hanno”

Di Eric Sautedé
5 Dicembre 2022

In Cina c’è un clima esplosivo. A Canton, Pechino, Shanghai, centinaia, talvolta migliaia, di persone hanno protestato contro la politica “zero Covid” praticata dal governo ormai da quasi tre anni. I primi a dare voce al malcontento, a metà ottobre, sono stati i lavoratori dello stabilimento Foxconn di Zhengzhou, nell’Henan, dove si producono gli iPhone. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui