Il reportage/3 -

Russia, il sangue degli ultimi per Kiev. E Putin flirta con Buddha

Tra Mongolia e lago Bajkal - Le relazioni con il Lama dell’Ivolginskij Datsan in nome della “Patria” e i risarcimenti per i soldati morti. “Abbiamo lavoro e sicurezza, non come negli anni 90”

1 Agosto 2022

Nel grande tempio dell’Ivolginskij Datsan, il monastero più importante del Paese, è appesa, in bella mostra, una lettera di Putin indirizzata a Pandito Khambo Lama, il leader spirituale dei buddisti russi. Ogni giorno, centinaia di pellegrini, dopo aver pregato di fronte ad una delle statue del Buddha nella classica posizione del loto, leggono queste parole: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione