Acque avvelenate

Plastica e catrame, il nuovo inquinante del mare è il Plastitar

La scoperta - Secondo  gli scienziati la presenza del materiale coinciderebbe con le rotte petrolifere dell’area delle Canarie, ma è molto probabile che la nuova sostanza possa essere reperita in tutto il mondo: "Effetti disastrosi in termini di inquinamento"

Di Pietro Mecarozzi
5 Luglio 2022

Ci mancava solo la Plastitar. Un team di ricercatori dell’Università di La Laguna ha identificato una combinazione di rifiuti fino ad oggi inedita sulle coste delle isole Canarie, in Spagna, alla quale hanno dato il nome di Plastitar. La parola fonde i termini inglesi “plastic” e “tar”, ovvero plastica e catrame, due contaminanti molto diffusi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui