Lettera da Mosca

Tayra è libera: la combattente di Mariupol ceduta in uno scambio di prigionieri

I suoi "angeli" - Atleta e paramedica, aveva raccolto 265 gigabyte di testimonianze video dalla città assediata. Curava i soldati, anche i russi, e distribuiva precetti delle arti marziali, disciplina rigorosa e divieti di alcol

Di Michela A.G. Iaccarino
24 Giugno 2022

Yulia Payevska – nome di battaglia Tayra – è stata liberata. La paramedica ucraina, icona della resistenza di Kiev, “è tornata a casa”: lo ha confermato il 17 giugno il presidente Volodimir Zelensky. Ora però i russi si chiedono perché non è più loro prigioniera, al Cremlino nessuno risponde e questo pompa l’ira di nazionalisti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.