Inediti

L’agenda rossa di Beckett il revisore: “Aspettando Godot” in tedesco è tutta un’altra storia

La riscrittura e gli appunti di regia

18 Gennaio 2022

È quella pettegola della moglie a riferirgli che, durante la prova generale, i pantaloni dell’attore non sono “caduti nel modo giusto”. Piccato, Samuel Beckett (1906-1989) scrive al regista Roger Blin, chiedendogli che “quel gesto” venga eseguito correttamente perché fondamentale a suscitare “il riso e il pianto” nello spettatore. Accade a Parigi, nel 1953, al Théâtre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.