La Shoah

Dolci note di compagnia all’atroce morte nei lager

Verso il giorno della memoria - Un libro racconta del forte rapporto dei nazisti con la musica: costringevano gli ebrei a suonarla anche nei campi di concentramento

Di Massimo Novelli
17 Gennaio 2022

L’ebreo polacco Simon Laks (1901-1983), pianista e compositore, narra nel suo libro Mélodies d’Auschwitz che verso la fine del 1943 i prigionieri come lui del lager di Auschwitz II-Birkenau “furono autorizzati dal comando tedesco del campo a mandare un messaggio scritto alle loro famiglie. Spinto dal desiderio di far sapere ai miei cari che ero […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.