fuorifase

Sgarbi raccatta voti per B.: un copione da commedia all’italiana

Icons/ascolta
14 Gennaio 2022

Nell’intramontabile commedia all’italiana della politica, Vittorio Sgarbi che scorre l’agenda dello smartphone per raccattare voti per la presidenza Berlusconi (“questo è incerto, Silvio, chiamiamolo”) è preciso sputato a Enzo-Carlo Verdone di Un sacco bello. Quello con l’armamentario di penne a sfera e calze di nylon che cerca un compagno di viaggio per recarsi in Polonia a cuccare (“Pronto Amedeo? Ciao sono Enzo… no Renzo, Enzo! Se te ricordi ce siamo conosciuti due o tre mesi fa al distretto… io ero quello che stava dietro de te con una maglietta de spugna, girocollo… tipo mare”). Così, nell’impatto con la strepitosa pagina imperial promozionale con vista Quirinale, dal titolo “Chi è Silvio Berlusconi”, pubblicata dal Giornale (i famosi valori della famiglia), leggendo il punto primo (“è una persona buona e generosa”) torna in mente il Pietro Ammicca di Gigi Proietti.

Ora, non per pensare sempre male, ma con l’autocandidato all’affannata ricerca di voti in Parlamento quella generosa bontà appare così sperticata e ammiccante da ricordare un altro celebre cimelio patrio. L’incipit della risposta di un Caltagirone alla telefonata di Franco Evangelisti, braccio destro (piuttosto prensile) di Giulio Andreotti: “A Fra’ che te serve…?”. Ma in quella commossa lista di benemerenze firmata “Forza Seniores” (la casa di riposo di Forza Italia) – e infatti scolpita sulla carta come una lapide commemorativa – si segnala anche il punto tre: “Un amico di tutti, nemico di nessuno”. Da leggere in stretta connessione logica con il punto uno, talché il senso compiuto ricavabile sembra tanto ricordare ai Grandi elettori di cielo, di terra e di mare il principio evangelico del bussate e vi sarà aperto, del chiedete e vi sarà dato.

Tutto fa Colle, perfino il trentennale del Tg5 che il direttore di Libero, Alessandro Sallusti, celebra come (insieme alla Mondadori) prova provata dell’assoluta libertà di pensiero garantita dall’uomo di Arcore, che giammai potrebbe essere “un presidente fazioso e di parte”.

Mettiamoci, infine, nei panni dei tanti clientes, a libro paga dell’ex Cavaliere (famigli, alleati, onorevoli, giornalisti, ecc.), tafanati dalla batteria di simil Sgarbi addetti alla bisogna (“carissimo, ho qui accanto a me il presidente Berlusconi che vorrebbe salutarla”). Un pressing tambureggiante che ne ricorda un altro, quello di Mario Carotenuto in Febbre da cavallo: “…halò? Telefono a proposito di quella cosuccia… di quella cambialetta…”.

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione