Il carteggio

Italo Svevo: “Sono un piccolo delinquente, nevrotico e triste”

Nelle sue Lettere lo scrittore triestino si confessa agli amici e colleghi letterati: da Montale a Joyce

Di Crocifisso Dentello
11 Dicembre 2021

“Io sono in complesso un piccolo delinquente nevrotico e me ne sento a volte assai più infelice di quanto puoi credere”. È un passaggio di una lettera datata 17 giugno 1900 che Italo Svevo scrive alla moglie Livia Veneziani. Un carteggio privato che la nuova edizione delle Lettere, in libreria per Il Saggiatore, riproduce per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.