Lettera da Mosca

Dopo la strage nell’università in Russia, il suicidio sospetto del capo degli investigatori

Sergey Sarapultsev, il capo del Comitato investigativo federale della città, che aveva studiato proprio in quell'ateneo,  si è tolto la vita due giorni dopo il blitz del 20 settembre, costato la vita a sei persone. C'è chi parla di segni di strangolamento, chi di un incontro movimentato con il suo capo

Di Michela AG Iaccarino
1 Ottobre 2021

C’è un nuovo fantasma che si agita sotto le penne dei giornalisti russi, un’altra morte misteriosa nella Federazione su cui interrogarsi. Negli ultimi giorni molte vite si sono spezzate a Perm’, la città teatro dell’ultima strage russa, dove il 20 settembre scorso il 18enne Timur Bekmansurov, iscritto alla facoltà di giurisprudenza, ha ucciso sei persone […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui