L'inchiesta

Financial Times: Gazprom ha terminato il Nord stream 2, come cambia ora l’energia in Europa

Il colosso energetico russo ha annunciato il completamento del nuovo gasdotto da 11 miliardi di dollari, che potrà portare fino a 55 miliardi di metri cubi all'anno. Il progetto piace alla Germania, ma è osteggiato dall'Ucraina e dalla Polonia, che temono l'aumento dell'influenza russa nel continente e perderanno molti soldi di tasse

13 Settembre 2021

La Russia è pronta a mandare in Europa ancora più gas, grazie al nuovo gasdotto appena costruito, il controverso Nord Stream 2. Nei giorni scorsi l’azienda petrolifera di Mosca Gazprom, infatti, ha annunciato di aver completato il progetto, costato 11 miliardi di dollari. Il gasdotto, attraverso il Mar Baltico permetterà a Gazprom di portare 55 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione