Non sopporto questa sensazione da fine del mondo, dove ognuno si fa i cazzi propri. Si spieghi. C’è chi fa il concerto di fronte a tremila persone assembrate. E quelli che si mettono due paillettes addosso e si credono artisti. Fanno dichiarazioni paracule sui social, fregandosene di comporre canzoni. Fabrizio Moro, questo è un j’accuse. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Da “cazzeggio” a “populismo”: parole nuove che ci raccontano

prev
Articolo Successivo

Addio Kampah, un genio tra Budda e Hemingway

next