La trattativa tra l’avvocato che deve diventare capo e la ministra che magari sogna altri Palazzi è piena di grovigli, una sfida di pazienza e di diritto su reati da togliere, tempi processuali da ricalcolare e norme da riscrivere. Un gioco a incastri che il presidente del Consiglio abituato a correre, Mario Draghi, non si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Ruby-ter: l’ex Toti fa fallire il blitz di FI per salvare Silvio

next