Funziona così. Vai dove la camorra ha ammazzato in serie e ti avvicinano delle persone. Più spesso donne giovani. Discrete, timide, anche se forti di una qualche ragione. Se dopo l’evento a cui hai partecipato ti si formano dei capannelli intorno, loro attendono pazienti. Poi si presentano. E ti raccontano una storia già narrata un’infinità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Combattere il virus. “Io sono la prova vivente che i vaccini salvano la vita” (anche agli scettici)

prev
Articolo Successivo

Mister Pirlo. “Come un gatto in tangenziale”. Storia di un Maestro brutalmente licenziato

next