Nel primo giorno di competizioni olimpiche, piovono le prime medaglie per l’Italia. Due: una d’oro, l’altra d’argento. Il campione olimpico si chiama Vito Dell’Aquila, 20 anni, taekwondista. L’argento, lo sciabolatore Luigi Samele, 24 anni. Bottino significativo. In discipline di nicchia, ma affascinanti e meravigliose. La scherma, il nostro santuario a cinque cerchi, metafora dei duelli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Monicelli e le sue cattiverie. Gli amici de l’Ultimo bacio. E io tutto nudo in teatro…”

prev
Articolo Successivo

Financial Times: Covid, i contagi tra vaccinati dimostrano che la campagna funziona

next