Partiamo dal nome. Prima si chiamava “ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare”, oggi è diventato “ministero della Transizione ecologica”. In questo passaggio, nel dicastero che dovrebbe rendere l’Italia più “green” è andata persa la parte che riguarda il territorio e la sua tutela. O almeno, le premesse su carta sembrano andare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Faraone adora Salvini: il ddl Zan fa miracoli

prev
Articolo Successivo

Modello Genova, i partiti vogliono nuovi commissari

next