Settantadue morti e più di 1200 arresti. Il sesto giorno di disordini in Sudafrica lascia un bilancio disastroso e timori di carenza di cibo e carburante oltreché dell’acuirsi della pandemia, per l’impossibilità di fornire cure e vaccini. Gli scontri iniziati dall’arresto dell’ex presidente Jacob Zuma, condannato a 15 mesi di carcere per oltraggio alla Corte, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Rivolte stroncate nel sangue. Il pugno duro di Cuba

prev
Articolo Successivo

Nero e ispanico, non voti. Biden scomunica il Texas

next