Questa cosa delle librerie di Gaza aveva colpito anche me, lo confesso. Anche se quando si bombarda un ospedale, un asilo, un pozzo o una centrale elettrica i danni umani sono certo più grandi. Chissà perché l’immagine delle librerie sventrate mi aveva messo addosso una malinconia particolare, riflettendo su questa guerra cieca che mi accompagna […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Cacciata solo per una gravidanza” appena è finito il blocco dei licenziamenti

prev
Articolo Successivo

I sette nani da giardino che all’improvviso divennero giganti

next