Alla fine, dopo un paio di giorni di riunioni, tormenti e trattative, c’è pure il via libera dei 5 Stelle. Il Movimento sacrifica gran parte della riforma della prescrizione di Alfonso Bonafede, accettando la “nuova” prescrizione portata in Consiglio dei ministri da Mario Draghi e dalla Guardasigilli Marta Cartabia. E lo fa strappando un’unica condizione: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

“È una Caporetto”. La rabbia nel M5S per i 4 sì a Draghi

next