L'intervista

Rossella Canevari: “Non mi piace la violenza sul Ddl Zan, ci si dimentica che si parla d’amore”

La scrittrice – in libreria con “La bambina del freddo” – affronta con gentilezza i temi dell’omogenitorialità, della fecondazione in vitro, dell’empowerment femminile: “Viviamo in un paese che pur con tutti i suoi lati positivi deve confrontarsi con una parte della società ancora molto conservatrice che è contraria ai principi dell'eterologa. Inoltre, anche se questa pratica è legale in Italia, risulta più semplice ed efficace andare all’estero”

Di Guido Biondi
7 Luglio 2021

Emma è una giornalista quarantenne in carriera, è divorziata e sta per avere una bambina grazie alla fecondazione in vitro da un donatore sconosciuto: “È stato in quei giorni che ho iniziato a godermi l’energia che deriva dal prendere decisioni e strade proprie”. Il quinto romanzo di Rossella Canevari, La bambina del freddo – uscito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione