Dio è morto, Marx pure e anche io non mi sento molto bene. Così andavo wudialleneggiando con malinconia alle prime avvisaglie della sera arrivando all’ex manicomio Paolo Pini alla periferia ovest di Milano. Di là la notizia dei cimiteri di bimbi trovati in Canada nei terreni di una Indian reservation school destinata a fine ottocento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Altro che Malika. Io, lesbica fuggita di casa: se avessi soldi mi pagherei da vivere e studiare

prev
Articolo Successivo

Libertà di pensierino, l’ultima idiozia: i belli hanno la vita più facile

next