La Corte costituzionale cambia le norme sulla diffamazione, fa sparire, ma non del tutto, il carcere per i giornalisti e chiama di nuovo in causa il Parlamento, sordo al suo monito dell’anno scorso. Ieri sera, i giudici hanno dichiarato incostituzionale l’articolo 13 della legge del 1948 che prevede il carcere obbligatorio (pena da 1 a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Conta solo la politica, non il Concordato”

prev
Articolo Successivo

Consiglio di Stato, i miracoli di Frattini: promosso con ben 13 anni di assenze

next