Quando ieri pomeriggio si sono visti in Senato per una riunione informale, i capigruppo di maggioranza non avevano dubbi: “Il ddl Zan ora è clinicamente morto, encefalogramma piatto”, è stata la diagnosi che andava per la maggiore. L’intervento a gamba tesa del Vaticano sulla legge anti-omofobia firmata dal deputato Pd Alessandro Zan che da un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

5 Stelle, il post e la lista: la guerra dei due Beppe

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Natangelo

next