L’Egitto è una porzione di cuore, una libbra di carne. La schiavitù è dentro di noi: sono quattromila anni che il popolo ebraico si interroga sulla propria identità a partire da quell’Esodo quasi controvoglia, benché fosse una fuga dalle catene e dal faraone, “lo strappo”, in ebraico. Anche il maestro Haim Baharier – talmudista, psicoanalista, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Custodia cautelare, se passa il referendum di Salvini si dovranno lasciare liberi ladri, bancarottieri e corruttori

prev
Articolo Successivo

La riapertura è “Crudelia” e il botteghino poverissimo

next