Eva e il serpente, la mela e il peccato originale. È l’immagine biblica della Genesi che associa alla prima donna dell’umanità il concetto negativo di “caduta”, nonché lo stereotipo della passività femminile legata al desiderio sessuale, a fronte del dominio maschile di Adamo. Eppure, come scrive Cristina Simonelli, “Eva è una, Eva è nessuna, Eva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“I giovani sono frutta da spremere. Traditi con gli open day”

prev
Articolo Successivo

La sai l’ultima?

next