Se è vero che ridere allunga la vita, vedere i film di Quentin Dupieux ci potrebbe rendere immortali. Dunque il mondo del cinema dovrebbe andar fiero dell’esistenza di questo Dj francese che dal 2002 si divide fra house music e cinefilia, mistero buffo e geniale che ha reso la demenzialità assoluta il filtro interpretativo della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Dalle sagre al successo. Vita di Alessandro Greco

prev
Articolo Successivo

Franco Nero è un uomo cieco con il dono della pittura

next