Ma che ci andiamo a fare agli Europei? Abbiamo vinto e stravinto, siamo già in parata trionfale, nelle qualificazioni abbiamo spezzato le reni a metà continente, morti, risorti e assunti all’empireo del calcio. Invece di tre giorni, come da tradizione, ci abbiamo messo quattro anni, ma meglio così, è tutto incenso che cola, sulla Nazionale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Sembrava bellezza”, invece no: la favorita Ciabatti fuori dai 5

prev
Articolo Successivo

Il Fatto di domani. Quer pasticciaccio brutto di AstraZeneca: retromarcia del generalissimo, no agli under 60. La finta generosità del G7: regalano i vaccini ma preservano i brevetti

next