C’è stato un momento, all’inizio degli anni Duemila, in cui Autostrade per l’Italia avrebbe potuto mettere in sicurezza il Ponte Morandi. L’allora capo del settore manutenzioni, Gabriele Camomilla, autore della grande ristrutturazione del viadotto del 1993, aveva studiato un sistema di “sensori acustici”, che “avrebbe evitato quello che poi è successo”. Ma fu mandato via. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Bimbo ferito all’asilo, indagata sindaca Pd. È rivolta bipartisan: “Leggi da cambiare”

prev
Articolo Successivo

Saman e Seid, orrido derby tra politici

next