“Sui licenziamenti siamo in piena sintonia”. Quando esce da Palazzo Chigi dopo un’ora e mezzo di confronto, Matteo Salvini ci tiene a fare la parte di quello che il governo Draghi lo appoggia senza se e senza ma. Anche sul delicato nodo del blocco dei licenziamenti. Anche a costo di sconfessare il proprio numero due, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Battaglia sulla norma che dimezza l’Anac: si studia il dietrofront

next