Malgrado la Confindustria tenti di sterilizzare il dibattito con previsioni ottimistiche sugli effetti dello sblocco dei licenziamenti, il 30 giugno si avvicina e il primo settore a subire il colpo di martello sarà il tessile. Il settore moda, infatti, non conta di tornare a vedere la luce prima del 2022, per questo i sindacati temono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Battaglia sulla norma che dimezza l’Anac: si studia il dietrofront

prev
Articolo Successivo

Natangelo

next