L’uscita di Marco Mancini dai servizi di intelligence di questo Paese rappresenta la fine di un’epoca. Quella legata agli uomini del vecchio Sismi (ora Aise, i servizi segreti per l’estero) di Nicolò Pollari, che in parte hanno già lasciato le agenzie. Marco Mancini negli 007 è tra i nomi più noti. Di recente è tornato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Altro che autostrade pubbliche: ora lo Stato studia il regalo a Gavio

prev
Articolo Successivo

Caro Salvini “Io emigrato in Svizzera le spiego com’è subire il razzismo”

next