Aveva 27 anni anni e stava per diventare padre, Serhiy Vatamanyuk, della 80esima Brigata da sbarco, quando scomparve dopo un’imboscata delle forze russe il 5 dicembre 2014, nella regione di Lugansk, vicino ai villagi Vesela Hora e Tsvitni Pisky. In quella battaglia furono 45 i militari ucraini morti e spariti. Era nato il 13 febbraio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Casa Bajani. Benvenuti nel mondo impossibile delle quattro (straordinarie) mura domestiche

prev
Articolo Successivo

Quel “maglione rosso” tra Pavese e Sturani

next