Da anni il regime degli ayatollah iraniani ha ripreso a finanziare il movimento islamico Hamas, che governa Gaza dal 2007, e ha propiziato la crescita del gruppo Jihad islamica per operare il sempre utile divide et impera nella Striscia in modo da poterla controllare in chiave anti israeliana. Non è un caso che le due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Israele, shabbat e lutti. Gaza, la città spianata

prev
Articolo Successivo

La lanterna accesa alla finestra per scacciare la disperazione

next