L’indagine partita dalle dichiarazioni di Pietro Amara sull’incarico da 400 mila euro ricevuto da Giuseppe Conte (e su altri incarichi di altri professionisti) nell’ambito del concordato Acqua Marcia, partita da Milano, è passata per Roma per poi approdare a Perugia per competenza territoriale. Amara nel suo verbale del 14 dicembre 2019 ha raccontato ai pm […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Davigo diede anche un rapporto scritto al vicepresidente Ermini

prev
Articolo Successivo

“Nelle indagini a Milano non ci furono anomalie”

next