C’è una precisa ragione dietro la scelta del governo Draghi di rimuovere il salario minimo dall’ultima versione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr): andava liberato il campo da un tema spinoso che vede da sempre contrari sia Cgil, Cisl, Uil che Confindustria, proprio ora che con le parti sociali il ministro Andrea Orlando […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I sindacati a Draghi: dimenticare la Fornero

prev
Articolo Successivo

FedEx, gli operai Cobas occupano la sede del Pd al Nazareno

next