Per tutti i rider d’Italia oggi sarà un Primo Maggio di lutto: giovedì sera è morto, a 38 anni, Antonio Prisco, uno dei maggiori protagonisti della loro battaglia contro lo sfruttamento delle piattaforme delle consegne a domicilio. Napoletano, appassionato attivista della Nidil Cgil, negli ultimi anni era stato fondamentale nelle vittorie ottenute dal sindacato in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Confindustria assalta i miliardi del recovery

prev
Articolo Successivo

“Vanno tassati gli extra-profitti ottenuti durante la pandemia”

next