Due minuti nell’aldilà. Fu dichiarato morto, la breaking news rimbalzò nelle radio. Era la notte tra il 22 e il 23 dicembre 1987. Los Angeles. Al Franklin Carlton Hotel la sarabanda tossica delle rockstar era al climax. Insieme a Slash e Steve Adler dei Guns N’Roses e Robbin Crosby dei Ratt, Nikki Sixx si decise […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Quel “collare” nato con il Covid

prev
Articolo Successivo

I motori termici sono il terreno di battaglia tra i big d’Europa

next