Il saggio

Dalle “kilogirls” al primo social network, l’informatica è femmina (con buona pace degli uomini)

Claire L. Evans, giornalista e scrittrice tecnofila, nel suo “Connessione”, rispolvera biografie più o meno reiette (coloro che “hanno fatto scoperte rivoluzionarie e in cambio non hanno avuto nemmeno l’onore della memoria”) con l’obiettivo di modificare la storia ufficiale della tecnologia

Di Riccardo Antoniucci
28 Aprile 2021

La storia di internet come ce l’hanno raccontata comincia con un pugno di hippie in un garage e finisce, almeno per ora, con un pugno di milionari che sorseggiano centrifugati sulla costa non lontano da San Francisco. Un film iconico in questo senso è I pirati della Silicon Valley, di Martyn Burke (1999), con Noah […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione