“Aria Spa, sotto il profilo del suo contributo alla programmazione e alla gestione degli acquisti di beni e servizi in ambito sanitario, non corrisponde pienamente alle finalità che la Regione Lombardia intende realizzare”. Sono le tre righe con le quali la Corte dei conti ha seppellito ieri l’Agenzia degli acquisti di Regione Lombardia. Un carrozzone […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Siamo al punto di non ritorno (speriamo bene)

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Natangelo

next