L’Italia, con quasi 400 morti al giorno nell’ultimo mese, è il secondo peggior Paese d’Europa per decessi dopo la Polonia, spia che qualcosa non funziona nella campagna di vaccinazione affidata dal 1° marzo alla cura taumaturgica del generale Francesco Paolo Figliuolo, perché le somministrazioni sono state fatte “alle categorie sbagliate di persone”, rileva l’Istituto per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Vaccini, gli “altri” ancora primi. De Luca: “Da noi non vale l’età”

prev
Articolo Successivo

Palù: “Non sappiamo usare i monoclonali”

next