Cestini dell’immondizia che straripano, lattine vuote abbandonate sul lungo Senna, cartoni per pizze gettati per strada, oggetti ingombranti che si ammucchiano sui marciapiedi, cartelli autostradali rotti, muri coperti di graffiti, rifiuti che galleggiano sul Canal Saint Martin. La sporcizia è una tale piaga per Parigi da essere diventata uno dei temi centrali delle ultime municipali, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La “Bancada femminista” spiazza il Brasile omofobo

prev
Articolo Successivo

Cuba che resiste: contro le varianti la terza dose “Plus”

next