Il 18 novembre 2013, Anna Ragnedda aveva 83 anni. Era invalida e immobilizzata nel suo letto. Il giorno prima, domenica, aveva pranzato insieme alle figlie. Il lunedì un nubifragio spaventoso si abbatte sulla Gallura. La pioggia gonfia i corsi d’acqua di Olbia, i canali Siligheddu e Gadduresu, che esondano. Un’onda di fango di due metri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’Eccellenza in campo col trucco

prev
Articolo Successivo

L’annuncio fake della Bellanova sulla strada fantasma in Puglia

next