Faccia perlacea, occhi da cerbiatto, sinuosità elegante: con la bellezza ci nasci, col coraggio no. Milena Radulovic, meno di trent’anni e ultimo volto noto del cinema serbo, è stata la prima attrice a denunciare Miroslav Aleksic, pigmalione di numerose generazioni di artisti slavi che, sin dall’infanzia, frequentavano la sua scuola di recitazione, severo istituto dove […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Non temo di essere Madame”. La rivelazione di Sanremo

prev
Articolo Successivo

“Com’era bello quando parlava Gaber”: Scanzi fa teatro-canzone

next