Andrà in Consiglio, finalmente, fra una settimana o giù di lì, questo benedetto Regolamento del Verde romano, in discussione dai tempi funesti della Giunta Alemanno salutata dagli alalà col braccio destro ben teso di rito, che dovrà attendere ancora qualche giorno. Eppure quei saluti romani risalgono al 2008, cioè a ben 13 anni or sono. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mussolini, abusi e omertà: la legge del coach di football

prev
Articolo Successivo

“La musica non fiorisce sui prati: riaccendiamola”

next