È un assaggio della difficile convivenza tra tecnici e politici nel governo Draghi. E, per ora, il decreto di riordino dei ministeri segna un pareggio. Il ministero della Transizione ecologica presieduto da Roberto Cingolani si prende il grosso della politica energetica oggi in mano al dicastero dello Sviluppo (guidato dal leghista Giancarlo Giorgetti). Quest’ultimo, però, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Mulè, Sisto e la Bergamini: entrano i maggiordomi di B.

prev
Articolo Successivo

Recovery, via i conti di Renzi e il ritorno dei soliti competenti

next