Due ori olimpici, cinque titoli mondiali, due titoli europei. Nel borsino delle migliori donne che il Paese può offrire a Mario Draghi ecco Diana Bianchedi, formidabile campionessa di scherma. Se così fosse, e parrebbe davvero, giungerebbe a conclusione la fantastica scalata al potere affluente e decidente di Giovanni Malagò che col Coni governa lo Stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dal Mise ai burocrati di Chigi: la rete parallela del vice Salvini

prev
Articolo Successivo

Supermario e l’appetito dei partiti

next