Diciassette settembre 2012, Palazzo Vecchio, Firenze. Alfonso Bonafede, professione avvocato e nel tempo libero attivista di “Firenze 5 Stelle”, aspetta il sindaco Matteo Renzi fuori dall’aula consiliare con la telecamera in mano. Fa così da anni: entra a Palazzo e riprende il Consiglio, intervista gli eletti, incalza il sindaco e a volte porta con sé […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Opposizione o responsabilità: il bivio per Conte e i giallorosa

prev
Articolo Successivo

Scalfarotto e l’onore di parlare dai Sauditi

next