La perdurante chiusura dei musei alimenta il mito, duro a morire, secondo cui musei e monumenti dovrebbero reggersi economicamente da soli, con gli introiti di biglietteria. Le limitazioni di movimento rese necessarie dalla pandemia sarebbero dunque, dicono alcuni, argomento sufficiente a giustificare la chiusura dei musei fino alla fine di ogni contagio: niente biglietti, niente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Estradizione, su Puigdemont. Bruxelles non cede a Madrid

prev
Articolo Successivo

Non c’è più commedia. Sorridere non è conveniente

next