L’incontro che inguaia Lorenzo Cesa, l’ormai ex segretario dell’Udc, ha data e luogo precisi: 7 luglio 2017, a Roma, al ristorante “Tullio”, in pieno centro storico. C’erano i consiglieri comunali Tommaso e Saverio Brutto, l’assessore calabrese al Bilancio della Regione Calabria Francesco Talarico e l’imprenditore Antonio Gallo. Tutti (tranne Cesa) arrestati ieri dalla Procura di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“È dura”: al governo serve FI per evitare l’agguato di Renzi

prev
Articolo Successivo

E ora ritorna il fantasma delle elezioni anticipate

next